Archivi categoria: around the world

Thank’s Magda for your ImpracticalGuide!


 

Do you want to visit Madrid, discovering funny and no-turistic place?!

So you have to know ImpracticalGuide, Magda’s blog about alternative tourism!

Here there’s my interview:

http://www.impracticalguide.com/search/label/Alternative%20Madrid

…but you’ll find a lot of veeery interesting article about cities, like Barcelona, Amsterdam, Hong Kong, and more.

So, good travel!

*************************

¿Queréis visitar Madrid, descubriendo sitios divertidos y que no sean turísticos?

Entonces tenéis que visitar ImpracticalGuide, el blog de Magda sobre el turismo alternativo!

Aquí podéis leer mi entrevista:

http://www.impracticalguide.com/search/label/Alternative%20Madrid

…pero vais a encontrar un montón de artículos interesantes sobre ciudades como Barcelona, Amsterdam, Hong-Kong, y muchas más.

Entonces, buen viaje!

 

Bye, A.

Lascia un commento

Archiviato in around the world, Madrid, myself, Senza categoria, travel

Wonderlands

Alila Villas Soli, Bali (http://www.alilavillassoori.com/)

 

Alilas Villas Uluwatu, Bali (http://www.alilahotels.com/uluwatu/)

 

 

 

Pretty Beach House, Sidney (http://www.prettybeachhouse.com)

 

 

The Luxury Dhigu Resort, Maldive

(http://www.adelto.co.uk/the-luxury-dhigu-resort-maldives/)

 

 

 

 

Non sono meravigliosi?! Io non saprei scegliere…

E VOI?!

Bye A.

4 commenti

Archiviato in around the world, travel

Lecciones de vida

Ya ha pasado un año, un mes y cinco días después del final de mi Erasmus.

En la práctica, sigo viviendo en Madrid.

Es extraño.

Partes para un Erasmus, con la idea de dejar por un tiempo la aburrida vida cotidiana, para hacer una experiencia Única e irrepetible; te imaginas de poder vivir en el país de los juguetes, el mundo de los sueños y la diversión y luego tener que volver por desgracia a la vida habitual de siempre. Y pués descubres que diez meses de Erasmus no sólo pueden ser una experiencia muy bonita, sino convertirse en la oportunidad de cambiar tu vida y empezar a ver todo con ojos nuveos…

El Erasmus no sólo fue la mejor experiencia en veintitrés años de vida. Ha sido la elección perfecta y más justa para mí.

Aprendí

-Que el secreto de hablar el español como los españoles está en imitar su peculiar sonsonete

-que  Sol es demasiado turístico y allí encontras más italianos que españoles. Pero es el lugar donde es absolutamente más fácil emborracharse sin pagar un euro (solo si eres una mujer, por supuesto!)

-El gin-tonic como lo hacen en la terraza del Paris Tokyo no se encuentra en ningún otro lugar

-Que antes de pedir un gin-tonic en la dicha terraza hay que recordarse de comprobar el precio!

-Que en la vida hay que tener tanta paciencia, sobre todo en la cola a la caja del Carrefour el viernes por la tarde!

-Que las tapas son muy buenas, pero pronto llegará un momento en que echarás de menos la cocina italiana

-Que no hay mejor remedio para un día NO  que caminar sin rumbo por las calles de Madrid, escuchando música desde tu iPod, hasta encontrarte en una calle totalmente desconocida de la ciudad

-Que es bueno pasarlo bien juntos con otros compañeros, pero hay que aprender a amar la soledad

-Que desde el silencio de la soledad nacen los pensamientos más profundos

-Que las cosas inesperadas que suceden, te sorprenderán; pero son las que quieres que te llenarán de alegría y felicidad inmensa

-Que no hay un camino ya marcado por la felicidad; cada uno es arquitecto de su propia felicidad y tiene todas las herramientas para lograrla

-Que en el amor nada es por sentado; el amor verdadero se descubre y se gana todos los días

-Que la verdadera amistad no depende de la cantidad de mensajes que se intercambian; los verdaderos amigos son los que siempre se encuentran, incluso después de años, como si hubiera pasado un día desde la última vez

-Que el pasado es un hermoso álbum de recuerdos, cada uno de los cuales ha ayudado a hacer de ti la persona que eres ahora

-Que nadie va a entenderte y apoyarte en cada momento de tu vida tanto como tus padres

-Que es mucho más fácil pasar el día quejándose de que todo va mal, en lugar de empezar a pensar acerca de cómo cambiar las cosas

-Que la vida es un regalo único, por lo tanto: contentarse es estúpido, posponer es perder una oportunidad, arriesgar para perseguir un sueño es la llave

-Que nunca se deja de aprender …. To be continued.

Lascia un commento

Archiviato in around the world, erasmus, Madrid, Senza categoria, travel

Lezioni di Vita

Sulla carta é passato un anno, un mese e cinque giorni dalla fine del mio Erasmus.

In pratica vivo ancora a Madrid.

É strano.

Uno parte per l’Erasmus con l’idea di lasciare per un pó la solita vita noiosa di tutti i giorni, per fare un’esperienza unica ed irripetibile. Si immagina di poter vivere nel paese dei balocchi , nel mondo dei sogni e del divertimento per poi dover tornare ahimè al solito tran tran quotidiano di sempre. Scopre invece che dieci mesi in Erasmus possono essere non solo una bella ma breve esperienza, bensì trasformarsi nell’opportunità di stravolgere la propria vita ed iniziare a vedere tutto con occhi diversi…

L’Erasmus non é stato solo la miglior esperienza in ventitré anni di vita; é stata la scelta più azzeccata che potessi fare.

Ho imparato

-che il segreto per parlare lo spagnolo come gli spagnoli sta nell’imitare la loro inconfondibile cantilena

-che Sol é troppo turistica e si incontrano piú italiani che spagnoli. Nonostante ciò é il luogo dove é assolutamente più facile ubriacarsi senza metter mano al portafoglio (solo se sei donna, ovviamente!)

-che il gin tonic come lo fanno nella terrazza del Paris Tokyo non lo trovi da nessun’altra parte

-che prima di ordinare un gin tonic in quella terrazza dovresti ricordarti di controllare il prezzo!

-che nella vita bisogna avere tanta pazienza, soprattutto in coda alla cassa del Carrefour il venerdì pomeriggio!

-che le tapas sono buonissime; ma arriverà presto il momento in cui rimpiangerai  a malincuore la cucina italiana

-che non c’é rimedio migliore a una giornata NO che camminare senza meta per le strade di Madrid, ipod alle orecchie, fino a ritrovarsi dall’altra parte della città in una via totalmente sconosciuta

-che é bello stare in compagnia, ma bisogna imparare ad amare la solitudine

-che é dal silenzio della solitudine che nascono i pensieri più profondi

-che le cose inaspettate, quando accadono, ti sorprendono;  quelle desiderate ti colmano di immensa gioia

-che non esiste una via già segnata per la felicitá; ognuno é artefice della propria e ha tutti gli strumenti per realizzarla

-che nell’amore non ci dev’essere nulla di scontato; amarsi é scoprirsi e conquistarsi ogni giorno

-che l’amicizia vera non dipende dal numero dei messaggi che ci si scambiano; gli amici veri sono coloro che anche dopo anni si ritrovano sempre come fosse passato un giorno dall’ultima volta

-che il passato é un bellissimo album di ricordi, ciascuno dei quali ha contribuito a fare di te la persona che sei ora, nel presente

-che nessuno ti capirà e sosterrà in ogni momento della tua vita tanto quanto i tuoi genitori

-che é molto più facile passare le giornate a lamentarsi che tutto fa schifo piuttosto che rimboccarsi le maniche e iniziare a pensare a come cambiare le cose

-che la Vita é un dono unico, perciò: accontentarsi é stupido, rimandare é perdere un’occasione, rischiare per inseguire un sogno é la chiave di Svolta

-che non si smette mai di imparare…. To be continued.

5 commenti

Archiviato in around the world, Madrid, myself, Senza categoria, travel

Hai un sogno? Vai e inseguilo.


Kien Lam, fotografo asiatico residente a San Francisco.
Per inseguire un sogno ha lasciato il lavoro per un’avventura folle: girare il mondo e farne un filmato di nemmeno cinque minuti.
Il risultato? 17 paesi del mondo visitati in meno di un anno e questo video. Time is nothing

Viaggiare è il sogno di molti. Perciò, dream is nothing. do it.

2 commenti

Archiviato in around the world, Senza categoria

Kony 2012


Facebook. Twitter. Blog. Qotidiani online. Google. Il mondo della rete nella sua totalità e coi suoi strumenti più seguiti sta mettendo in circolo da qualche giorno un video che in pochissime ore è stato cliccato, commentato e condiviso da migliaia se non milioni di utenti. Il titolo del video è Kony 2012La domanda sorge spontanea: chi è Kony?!

… sono giorni che non scrivo nel blog perchè presa da troppi pensieri/dubbi/riflessioni (…). Ma questa mattina, dopo essermi svegliata e aver acceso com di consueto il pc per leggere le ultime dal mondo, mi sono imbattuta in questo:

Non avevo fatto caso alla durata del video, ma nonostante durasse mezz’ora mi ha totalmente assorbito.
Provate a dare play e iniziate a guardare.
Capirete che staccare lo sguardo da certe immagini costa fatica.
Questo video spiega tutto: chi è Kony, cos’è Kony 2012 e quali sono gli obiettivi di Invisible Children.

…Alla fine dei 30 minuti avevo gli occhi lucidi, il magone allo stomaco e la voglia di fare qualcosa per Jacob e tutti quei bambini privati dell’infanzia e della possibilità di scegliersi un futuro.

Ho iniziato a cercare su internet informazioni al riguardo e mi sono imbattuta in numerosi articoli e blog critici e scettici. Si teme che dietro questo video, dietro l’associazione, ci siano interessi di lobbies che vorrebbero fare in modo di incrementare l’intervento degli USA in Uganda e nei paesi limitrofi. Per non parlare poi delle critiche circa le spese effettuate dal fondatore nonchè regista del video per realizzare questa campagna.

Confusione. Chi è il buono e chi il cattivo? E’ tutta una fregatura per rubare soldi a persone oneste che si commuovono e si sentono in dovere di muovere almeno qualche euro dal proprio conto in banca? E chi lo sa. Potrebbe essere così. Oppure no. Credo si tratti di un atto di fede.

Io mi limito a fidarmi delle emozioni che ho provato nel vedere un ragazzo ugandese piangere per la morte disumana del fratello, pregando di morire per raggiungerlo e vivere una vita migliore di quella che lo aspetta in questo mondo ingiusto. Non mi importa quali interessi ci siano dietro e se questa carneficina di bambini sia oggi un fenomeno di dimensioni minori rispetto al passato. Non dovrebbe esistere. Ogni singolo uomo/bambino ha diritto a vivere. Fosse anche uno solo il piccolo costretto a tali azioni, il responsabile andrebbe punito con la peggiore delle pene.

E poi mi son chiesta: perchè non se ne parla in tv? perchè i giornali preferiscono rimbecillirci con notizie banali e stupide, o concentrare la nostr attenzione su argomenti di un’importanza del tutto irrilevante, invece di renderci coscienti di fatti come questo? Per questo motivo ho deciso di scriverne qui. Perchè se non ne parlano loro, è giusto che lo faccia qualcun altro. Perchè l’informazione è di tutti e tutti hanno diritto ad avere tutta l’informazione, senza censure.

Passate parola

Lascia un commento

Archiviato in around the world, Senza categoria

Travelling…

Granada, Salobreña, Malaga, Cordoba, Toledo (Aprile 2011)

Primo viaggio con Mr X.

Partiamo? Partiamo. Io, Lui e una Smart. Destinazione non ben definita. La direzione si: il caldo sud andaluso.

A volte ci vuole poco per raggiungere la propria felicitá e non sentire il bisogno di nient’ altro. Basta trovarsi con la persona giusta, nel posto giusto, al momento giusto. Una bazzecola, no?

“…un viaggio puó essere illuminante. Farti toccare con mano emozioni inaspettate. Sorprenderti. Insegnarti a guardare con occhi innamorati, e a riconoscere lo stesso sguardo negli occhi del tuo compagno di viaggio.”

[ PrendiNota: Noleggiare una macchina in Spagna non costa nulla ed é possibile farlo attraverso i tantissimi siti presenti su internet. Se siete in coppia, vi basterá un mezzo per spostarvi. Nessun’altra prenotazione nè itinerario giá programmato. Decidete tutto al momento. Sará eccitante e creerá una complicitá difficile da incontrare nella vostra quotidianitá di coppia! ]

4 commenti

Archiviato in around the world, love, Mr.X, PrendiNota, travel