Archivi tag: madrid

Thank’s Magda for your ImpracticalGuide!


 

Do you want to visit Madrid, discovering funny and no-turistic place?!

So you have to know ImpracticalGuide, Magda’s blog about alternative tourism!

Here there’s my interview:

http://www.impracticalguide.com/search/label/Alternative%20Madrid

…but you’ll find a lot of veeery interesting article about cities, like Barcelona, Amsterdam, Hong Kong, and more.

So, good travel!

*************************

¿Queréis visitar Madrid, descubriendo sitios divertidos y que no sean turísticos?

Entonces tenéis que visitar ImpracticalGuide, el blog de Magda sobre el turismo alternativo!

Aquí podéis leer mi entrevista:

http://www.impracticalguide.com/search/label/Alternative%20Madrid

…pero vais a encontrar un montón de artículos interesantes sobre ciudades como Barcelona, Amsterdam, Hong-Kong, y muchas más.

Entonces, buen viaje!

 

Bye, A.

Lascia un commento

Archiviato in around the world, Madrid, myself, Senza categoria, travel

Lecciones de vida

Ya ha pasado un año, un mes y cinco días después del final de mi Erasmus.

En la práctica, sigo viviendo en Madrid.

Es extraño.

Partes para un Erasmus, con la idea de dejar por un tiempo la aburrida vida cotidiana, para hacer una experiencia Única e irrepetible; te imaginas de poder vivir en el país de los juguetes, el mundo de los sueños y la diversión y luego tener que volver por desgracia a la vida habitual de siempre. Y pués descubres que diez meses de Erasmus no sólo pueden ser una experiencia muy bonita, sino convertirse en la oportunidad de cambiar tu vida y empezar a ver todo con ojos nuveos…

El Erasmus no sólo fue la mejor experiencia en veintitrés años de vida. Ha sido la elección perfecta y más justa para mí.

Aprendí

-Que el secreto de hablar el español como los españoles está en imitar su peculiar sonsonete

-que  Sol es demasiado turístico y allí encontras más italianos que españoles. Pero es el lugar donde es absolutamente más fácil emborracharse sin pagar un euro (solo si eres una mujer, por supuesto!)

-El gin-tonic como lo hacen en la terraza del Paris Tokyo no se encuentra en ningún otro lugar

-Que antes de pedir un gin-tonic en la dicha terraza hay que recordarse de comprobar el precio!

-Que en la vida hay que tener tanta paciencia, sobre todo en la cola a la caja del Carrefour el viernes por la tarde!

-Que las tapas son muy buenas, pero pronto llegará un momento en que echarás de menos la cocina italiana

-Que no hay mejor remedio para un día NO  que caminar sin rumbo por las calles de Madrid, escuchando música desde tu iPod, hasta encontrarte en una calle totalmente desconocida de la ciudad

-Que es bueno pasarlo bien juntos con otros compañeros, pero hay que aprender a amar la soledad

-Que desde el silencio de la soledad nacen los pensamientos más profundos

-Que las cosas inesperadas que suceden, te sorprenderán; pero son las que quieres que te llenarán de alegría y felicidad inmensa

-Que no hay un camino ya marcado por la felicidad; cada uno es arquitecto de su propia felicidad y tiene todas las herramientas para lograrla

-Que en el amor nada es por sentado; el amor verdadero se descubre y se gana todos los días

-Que la verdadera amistad no depende de la cantidad de mensajes que se intercambian; los verdaderos amigos son los que siempre se encuentran, incluso después de años, como si hubiera pasado un día desde la última vez

-Que el pasado es un hermoso álbum de recuerdos, cada uno de los cuales ha ayudado a hacer de ti la persona que eres ahora

-Que nadie va a entenderte y apoyarte en cada momento de tu vida tanto como tus padres

-Que es mucho más fácil pasar el día quejándose de que todo va mal, en lugar de empezar a pensar acerca de cómo cambiar las cosas

-Que la vida es un regalo único, por lo tanto: contentarse es estúpido, posponer es perder una oportunidad, arriesgar para perseguir un sueño es la llave

-Que nunca se deja de aprender …. To be continued.

Lascia un commento

Archiviato in around the world, erasmus, Madrid, Senza categoria, travel

La Cajita de Nori

A menudo me pasa de encender el ordenador y confíar en el web para la búsqueda de restaurantes “justos” para ocasiones especiales. En Madrid sin duda no hay escasez de locales donde comer, pero la mayoría de las veces pierdo horas en Internet en busca del lugar perfecto, acabando insatisfecha de mi elección. Ayer tuve la prueba de que a veces no hace falta un ordenador; mucho mejor un paseo. Las pequeñas calles de la ciudad pueden ocultar sorpresas agradables….

Así ayer Mr.X e yo hemos encontrado “La Cajita de Nori“.

Es un restaurante pequeño, escondido en una calle paralela a la Calle del Conde Duque (Plaza de España / Noviciado). No hay turismo, y tampoco mucha gente (porlomenos entre semana).
El interior es muy sencillo: unas pocas, muy pocas, mesas de madera bien separadas unas de otras, conceden la justa intimidad , mientras que la música de fondo y la luz baja crean un atmosfera romantica.

La carta refleja la sencillez de la sala: algunos platos (de carne y pescado), todos muy caseros y no muy elaborados. Buena relación precio / calidad.


TomeNota: a la espera de los platos principales, aconsejo para picar el hummus (salsa de garbanzos), servido con pequeños trozos de crujiente focaccia.

1 Commento

Archiviato in love, Madrid, Mr.X, PrendiNota, Senza categoria

La Cajita de Nori

Mi capita spesso di accendere il pc e affidarmi al web per la ricerca di ristoranti che facciano al caso mio, quelli “giusti” per l’occasione.
A Madrid di certo non mancano locali dove cenare, ma il più delle volte perdo ore su internet alla ricerca del posto perfetto, restando poi insoddisfatta della scelta. Ieri ho avuto la dimostrazione che a volte un comupter non basta; molto meglio una buona vecchia passeggiata alla cieca…le viette della città posso celare piacevoli sorprese.

Cosí Mr.X ed io ci siamo ritrovati davanti aLa Cajita de Nori“.

Si tratta di un piccolo e colorato ristorante, nascosto in una via parallela a Calle del Conde Duque (zona Plaza de España/Noviciado). Non turistico, e poco affollato.

L’interno semplice: pochi pochissimi tavoli di legno ben separati l’uno dall’altro concedono la giusta intimita’, mentre la leggera musica di sottofondo crea un’ atmosfera romantica.

La carta rispecchia la semplicita’ del locale: pochi piatti (sia di carne che di pesce), tutti abbastanza caserecci e non troppo elaborati. Giusto rapporto qualitá/prezzo.

PrendiNota:  per spizzicare, in attesa delle portate principali, ottimo l’hummus (salsa di ceci), servito con piccoli triangoli di focaccia croccante.

Lascia un commento

Archiviato in love, Madrid, Mr.X, PrendiNota

E’ arrivata la primavera a Madrid

Dal mio appartamento al primo piano di un palazzo niente male nel centro della ciudad, l’aria primaverile non si percepisce nemmeno per sbaglio. Manca la luce. A momenti anche l’aria. Purtroppo oggi è uno di quei momenti. Respiro a fatica, e non capisco se sia per l’aria viziata della casa, per i postumi ancora chiaramente evidenti della pessima serata o per il malessere che si è impossessato di me in modo soffocante. Soffoco.

Mi alzo dal divano per cercare di scacciare questo stato d’apatia in cui sono caduta. Doccia calda. Prendo le mie cose ed esco. Aria. Sole. Mi rendo conto che è davvero arrivata la primavera a Madrid.

Ho bisogno di pensare. O forse di NON pensare. Impossibile. Perché fa così male? Siamo così sicuri che l’ Amore sia un sentimento positivo? Sento ripetermi che non c’è niente di più bello dell’amore. E allora perché fa cosi male?! Forse il dolore è proporzionale alla sua intensità. Oppure è un segnale, una spia per aprirti gli occhi su una verità troppo scomoda da accettare:  forse non è amore. Che poi mi chiedo, cos’è l’amore? Esiste una risposta a cui attingere in momenti come questi? Mi faccio un sacco di domande, troppe, e non trovo risposte. Forse dovrei smettere di torturarmi.

2 commenti

Archiviato in love, Madrid

Mr. X: la mia incognita

CHi è Mr. X?

Pensando a una definizione appropriata per il mio Mr. X mi salgono alla mente una serie di espressioni altamente ossimoriche: mr. X è una presenza mancante, un equilibrio instabile, un punto di riferimento mobile. Senza dubbio, non è una certezza assoluta.

Ero ancora in fase di uscita da una lunga relazione ormai agli sgoccioli. Fase complicata. Assalita da mille sensi di colpa. Impaurita davanti a una decisione non facile dopo tutto quel tempo passato insieme, ma che prima o poi avrei dovuto prendere. Quando la  voglia di scappare è mille volte superiore a quella di restare, è chiaro che le cose non vanno come dovrebbero andare. Quando non vedi l’ora di tornare da chi hai lasciato a Madrid per trascorrere le vacanze natalizie a casa, le domande sorgono spontanee. Sarebbe stato molto più facile lasciare le cose così come stavano. Aspettare che succedesse qualcosa. Sperare in un intervento divino che aggiustasse tutto e mi liberasse da ogni tipo di responsabilità. Ma anche l’attesa mi stava stretta. La mia irascibilità aveva raggiunto livelli massimi; coi nervi a fior di pelle ero pronta a scattare per ogni minima cosa che potessi anche solo lontanamente infastidirmi. E piangevo. Tanto, spesso, sempre. La sensazione era quella di essere nel posto giusto con le persone giuste, ma con braccia gambe e mente legate. Ero riuscita finalmente a volare via dalla gabbia, ma avevo dimenticato di sciogliere il laccio che mi legava polsi e caviglie. Sapevo di dover agire, muovermi in una qualche direzione. Ma muovermi. Il mio problema? L’estrema insicurezza. La paura di sbagliare. La mancanza di autostima.

Nel momento più buio del mio primo anno da spirito libero, ho incontrato Mr. X. Personaggio strano e affascinante. Il classico tipo che può farti perdere la testa con uno sguardo, imbambolarti con due parole, farti scoppiare il cuore con un bacio e poi lasciarti lì a racattarne i pezzi. Insomma, nella mia testa mi sforzavo di immaginarmelo con un enorme cartello legato al collo con su scritto “stare alla larga“. Ma come ogni donna che si rispetti, il fascino dello stronzo ha preso il sopravvento sulla mia razionalità, già di per sè alquanto scarsa quando si parla d’amore. Così è entrato nella mia vita, all’improvviso.

E ha capovolto tutto.

5 commenti

Archiviato in love, Madrid, Mr.X, myself

“Chi desidera abbandonare il posto dove vive non è felice”

E’ davvero difficile spiegare ciò che si prova quando in un preciso momento della propria vita ci si sente “stretti”. Manca l’aria e l’unica immagine in grado di riportarti a galla per respirare a pieni polmoni un pò di vita è quella della fuga. Dove? Ovunque. La destinazione ha poca importanza. Un qualunque angolo della terra più grande del mio minuscolo paese di campagna mi avrebbe salvato dallo stato di claustrofobia cronica in cui ero caduta. La scelta è stata veloce e impulsiva: Madrid. Così, aprofittando di una borsa di studio vinta all’ultimo minuto, ho fatto i bagagli e sono partita. Le lacrime di mia madre, la tristezza negli occhi delle mie due meravigliose amiche, una storia di quattro anni che si stava spegnendo come una fiammella in mancanza d’ossigeno, la paura mista all’eccitazione per la nuova ignota vita che mi stava aspettando. Novità. Ecco ciò di cui in quel momento avevo più bisogno. Sentivo la mancanza di sensazioni forti che nulla avessero a che vedere con la solita noiosa routine. Luoghi nuovi, persone nuove, esperienze nuove.

A distanza di un anno e più, mi ritrovo sempre qui. Trascorso il termine del periodo di studi all’estero gentilmente concesso dalla borsa di studio, lasciare Madrid e tutto ciò che avevo creato in quella divenuta ormai la mia città mi è sembrato impossibile. Per non parlare dell’idea di tornare alla vita di prima. Il solo pensiero mi soffocava. C’è chi pensa che sia pazza, chi una nullafacente “drogata” dalla movida spagnola, chi tuttora non comprende il mio bisogno di vivere tanto lontano da casa. Ci sono stati momenti in cui ho pensato che gli altri avessero ragione. Le mie amiche, la mia famiglia, il mio ex. Poi una sera, sfogliando le pagine de “L’insostenibile leggerezza dell’essere”, Kundera ha dato una risposta chiara ai miei dubbi.

“Chi desidera abbandonare il posto dove vive non è felice”

Ecco la prossima domanda a cui dare una risposta: sono felice?

10 commenti

Archiviato in myself, Senza categoria